Mummy

RAPUZEL E INFLUENZA

Miracolosamente, non ho idea di come, ho avuto un intero pomeriggio di tempo per iniziare a imbastire il costume da Rapunzel.
Sono riuscita a fare quasi tutto il corpetto e le maniche, che però devono ancora essere cucite al corpetto.

Tutto ciò prima della settimana scorsa, prima che la Nana si ammalasse. Già, per non farci mancare nulla a una settimana dal rientro al nido dopo il mal d’orecchi, la Nana ha doverosamente raccolto i bacilli che i compagni avevano sparso mentre lei se ne stava a casa e s’è ammalata. Di nuovo. A questo giro, oltre a febbre a 39, abbiamo anche la super tossona con punte notturne da vecchio tabagista catarroso, più gli incubi (o pavor notturno, come lo ha chimato la pediatra) dati dalla febbre.

La settimana l’abbiamo passata fra studi pediatrici (ben tre volte), tre aerosol dal giorno, con  la formula magica data dalla pediatra e un conteggio di gocce che mi pareva di essere un chimico del MIT, lavaggi nasali con mosse da Cirque du Soleil per somministrarli alla Nana, termometri e paracetamolo.

E il paracetamolo è stato lo scoglio più grosso. La  prima sera in cui abbiamo cercato di farle assumere la tachipirina, la “medicina cattiva” è stato un dramma; lei piangeva (con 39 di febbre), io ero al limite di una crisi di nervi e Lui cervaca di calmare entrambe e ficcare lo sciroppo nella gola della figlia. Un fallimento completo.

Il giorno seguente rinfrancati dal colloquio con le tate sull’andamento della Nana al nido, con i suggerimenti dati da loro (che cavolo, hanno studiato io ascolto e applico), abbiamo riflettuto su che metodo usare per farle assumere la medicina cattiva. Insomma è una bimba, devi invogliarla; è mia figlia, nata il giorno di San Patrizio, a 2 anni sapeva già dire “one beer” al cameriere austriaco, amettiamolo la soluzione è una sola.

Noooo! Non certo scioglierla nell’alcool, insomma non sono cosi disgraziata. Il metodo l’ho battezzato il “tacchi & zuccherino”, le si presenta un piccolo vassoio con il misurino di sciroppo accanto allo zuccherino (rosa). Assunzione come rum  & lime, la Nana si fa alla goccia lo sciroppo, poi si succhia lo zuccherino.

SUCCESSONE!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...